spettacoli video bibliografia bio Teatro Félix Guattari about Nikola Tesla Praxis scuola di filosofia Stagione Contemporaneo Teatro Diego Fabbri contatti link
 
trasparenza
 
       
MARMO
Su una civiltà esausta


Come reagisce l’uomo alla notizia che la natura delle cose non è univoca e si manifesta con una doppia immagine meccanica e vibrazionale al tempo stesso?
Come sopravvivere alla propria morte senza avere certezza della propria consistenza? Ricordo interminabili discussioni con mio padre Giulietto, maestro elementare, e le congetture fantastiche che formulavo ogniqualvolta si parlava di spazio e di tempo.
Qualcuno lancia un sasso e lo va a raccogliere. Se si suppone che i lanci procedano in linea retta egli sarà sempre in grado, prima o poi, di raggiungere quel sasso e di scagliarlo nuovamente in avanti. Reiterando all’infinito quel gesto supponevo si potesse dimostrare, quasi banalizzandola, l’infinità dello spazio. Mio padre sempre rispondeva che, come qualcun altro ha ben detto, lo spazio potrebbe esser curvo e che quindi il mio peregrinare verso l’infinito potrebbe non essere altro che un girare intorno a noi stessi.
Rimanevo comunque convinto della mia originaria sensazione. L’inconciliabilità tra quello che appare come razionale ed evidente ai nostri sensi e la vera natura delle cose mi spinge a ricercare con pervicacia, anche se con notevole affanno, quello stato originario che possa far avanzare, passo dopo passo, verso la propria riconoscibilità. Vorrei chiamare questo affanno “passività”. >>>
 

Nikola Tesla. Lectures


Quando avvicinammo per la prima volta l’incredibile storia di Nikola Tesla frequentemente ci tormentò l’idea di avere a che fare con una sorta di leggenda metropolitana: come poteva essere possibile che l’uomo che aveva realizzato la prima centrale elettrica al mondo imbrigliando le cascate del Niagara, potesse essere un perfetto sconosciuto ed anzi lasciato nell’angolo oscuro della storia scientifica ed umana del secolo appena passato di cui chiaramente era stato il protagonista?
Il fatto che fosse l’inventore del sistema trifase di distribuzione della corrente elettrica che tuttora alimenta le nostre industrie e le nostre case, che detenesse i brevetti del primo motore a corrente alternata e dei primi apparecchi di trasmissione radio (fino al clamoroso riconoscimento, nel 1943,  da parte della suprema corte degli Stati Uniti, della paternità dell’invenzione della radio appunto, a scapito del nostro Marconi) non sembrava aver influito minimamente sulla notorietà dello scienziato serbo..>>>
 
Just Intonation

Al centro della vicenda stanno due destini: quello dello strumento e quello della figura. Resta il corpo e il movimento che rende impercettibile la forma.

Il segreto opera nella più grande visibilità, data dalla moltiplicazione delle figure astratte e animali che creano l’effetto di un nascondimento. Il corpo-donna diviene segreto senza nascondere niente, a forza di innocenza e precisione, persino a costo di una spaventosa tecnicità.
Just intonation ci pone di fronte ad una figura che si rende impercettibile per eccesso di trasparenza. È il disfarsi di una forma in divenire che segna l’opposizione alla forma/significanza/ordine e al controllo dispotico
. >>>


La natura come una macchina_
di Franco Cordelli_Corriere della Sera

Just intonation. Masque Teatro e l’alternativa_di Simone Nebbia_Teatro e Critica
L'intonazione kafkiana del corpo_Sara Baranzoni_Artribune
 
Head VI

Liberamente ispirato a "Francis Bacon. Logica della sensazione" di Gilles Deleuze.
Il saggio del filosofo francese può essere inteso come un vero e proprio breviario per le arti performative.
Deleuze individua tre elementi nella pittura di Bacon:
- le grandi campiture come struttura materiale spazializzante
- la Figura, le Figure e il loro fatto
- il contorno >>>
 
Il ragazzo criminale

Il giovane criminale, Jean Genet, 1948. Un chant d'amour, 1950. Soprattutto quest'ultimo. Uomini necessariamente soli. Lì, nel film, scossi dal desiderio dell'altro. Carnalmente molli, duri, eccitati, prostrati. Il meccanismo si ripete, regolarmente. Desiderio, masturbazione, leggerezza. Sesso, Sudore, Sperma. Siamo appena entrati e già voltiamo loro le spalle. Ci interessa lo scarto tra la condizione iniziale e quella finale. Ecco la figura: è lì, isolata. Descriviamola.
>>>
 
Davai


Davai: sembra ripetere eternamente l’altro eroe dell’opera. Le membra fragili si staccano dalla terra ed emergono nell’acqua putrida e gelida.
Davai …. e Ivàn se ne va. Nel grembo di quell’uomo che ci dà la madre, nasce la culla perenne dei nostri sogni. Inseguili, custodiscili, rassegnati ad essi, sii loro così vicino da non riconoscerli più.

Sempre sull’attenti. Qui. Ora. Al posto di guida. Su questo quaderno mastro. Scrivere di qualcosa che non esiste. Che sta nascendo. Eppure il fatto vorrebbe sopraffarla, deve averla vinta. Noi, gli intenti ai fatti, coloro che fondono le cose e i luoghi, rame solforoso per un bronzo che non si affatichi, noi, dicevo, perso nell’intento di una scrittura che cerca coloro che un tempo educarono, i poveretti, cercatori di ori marci, di tigri pigre, affossati mestamente. >>>


 
Postanovscik


Registrazione fedele dei movimenti della mente di un uomo alle prese con uno spazio vuoto.

Davanti a lui una parete bruciata, arsa dal fuoco. Aspetta.
Si siede a terra e guarda. Il treno delle vite che si affacciano sul quel luogo corre veloce, binari paralleli in incessante allontanamento. Sembra quasi che quella parete non sia immobile bensì fugga indietro con una lentezza vertiginosa. Lontano dalla realtà. Egli ben sa che il suo agire non gli serve per farsi conoscere al mondo, quanto per conoscerlo. Manda pattuglie in avanscoperta, crea avamposti in un territorio che, se dice non può essere nemico, ha certo regole diverse, logiche altre. >>>


 
Improbabili previsioni del tempo

Per raccontare ciò che è stata per noi la conferenza spettacolo Improbabili previsioni del tempo tenutasi nelle
giornate dal 7 al 10 ottobre 1999 negli spazi del magazzino n. 28 della Ex centrale frigorifera specializzata di Verona, abbiamo scelto di affidarci al “tempo del ricordo”. Per noi la conferenza era iniziata nel momento in cui posammo il piede in quel capannone, mappato per l’appunto con il numero 28, completamente abbandonato dalla amministrazione veronese al suo destino e non incluso negli spazi che l’associazione Interzona allora gestiva, un territorio cioè che per essere vissuto doveva essere conquistato….sul pavimento 20 centimetri di guano...>>>
 
Nur Mut


IL PROCEDIMENTO È IL MEDESIMO:
COME TUFFARSI IN AMLETO

Come già sapete, le grandezze turbolente dipendono anche dallo stato di
moto e possono essere considerate funzioni del posto ed eventualmente del tempo.
E' però da mettere in evidenza che il passaggio del moto da laminare a completamente turbolento è sostanzialmente continuo.
In molti casi si possono individuare le seguenti tappe fondamentali:

1. Amplificazione con meccanismo lineare dei disturbi bidimensionali
2. Trasformazione dei disturbi da bidimensionali a tridimensionali e loro amplificazione per effetto di meccanismi non lineari
3. Formazione di una macchia turbolenta
4. Estensione di detta macchia, fino ad interessare l'intera regione di moto. >>>


 
ES_mostra fotografica


L’esposizione di tavole fotografiche nasce come opera a se stante dall’incontro tra il fotografo di scena Enrico Fedrigoli e la performer Eleonora Sedioli / Masque teatro

Le stampe rigorosamente in bianco e nero, traggono linfa dagli ultimi spettacoli di Masque teatro Just Intonation e Pentesilea, e sono  realizzate con la tecnica del banco ottico, che permette di  cesellare a tal punto la materia fotografica  da restituire all’occhio la grana della pelle nuda che stride sul ferro delle corde dell’arpa.

“Il tempo è il primo strumento per manovrare il banco ottico.
Ogni tempo di esposizione è come una pennellata e corrisponde ad una qualità di colore.
Il banco ottico è come  un cervello. Un contenitore con un buco. Nient’altro. Attraverso un tempo di osservazione e di esposizione  volevo capire che cosa ci fosse dietro alla raffigurazione, ciò che l’occhio non riusciva a vedere. Così ho cominciato a lavorare sull’invisibile”. Enrico Fedrigoli

Enrico Fedrigoli fotografo di scena / Ritratti_ Altre Velocità
Es / Enrico Fedrigoli - SuccoAcido

   
 
Meccanica Anima
 
The Decision

La linea di condotta (Die Massnahme)
viene messa in scena a Berlino il 14 dicembre del 1930. Non è trascorso neppure un decennio e la rivoluzione bolscevica appare ancora “giovane e bella”. All’oscuro delle purghe staliniane e della deriva totalitaria verso la quale sta precipitando il movimento comunista sovietico, si guarda alla Russia come nazione guida contro la barbarie dell’imperialismo coloniale e l’ottusità di un capitalismo selvaggio che sta mostrando nel fascismo italiano e tedesco i suoi lati più oscuri.
>>>
 
Il Presente

Una lamiera è sospesa su pistoni pneumatici che ne variano il profilo imponendole perimetri variabili. La superficie metallica accoglie la figura. Il corpo aderisce alla sinusoide d’acciaio, ne coglie le variazioni, arcua la linea dell’orizzonte, ritorna in stato di quiete. Materia inerte che viene modellata, la figura si pone costantemente in un divenire simbiotico.
Valvole pneumatiche soffiano aria nei pistoni-colonne. >>>

Il respiro del tempo
_di Sara Baranzoni

Corpo peso respiro
_di Massimo Marino
 
Pentesilea


Liberamente ispirato all’opera di Heinrich von Kleist e riletto attraverso
l”’Anti Edipo” di Deleuze e Guattari.

Maschio Bianco Adulto. Condizione patologica.Geneticamente compromesso con la Natura Killer.
Pentesilea/Achille entità “schizo”.
Come mi devo comportare?

“L’ es funziona ovunque, ora senza sosta, ora discontinuo.
Respira, scalda, mangia. Caca, fotte.
… Ovunque sono macchine, per niente metaforicamente: macchine di macchine, coi loro accoppiamenti, colle loro connessioni.
Una macchina-organo è innestata su una macchina-sorgente: l’una emette un flusso che l’altra interrompe.” >>>

La macchina e l'umano. Pentesilea di Masque teatro_di Lorenzo Donati_Altre Velocità
La danza feroce di Pentesilea
_di Magda Poli_Corriere della Sera

 
Materia cani randagi



Materia cani randagi trae la sua origine dagli scritti di Carlo Michelstaedter, in particolare è “ La Persuasione e la Retorica ” a condurci nell’universo del non fini­to, del movimento interrotto, della impossibilità di finitudine dell’atto attorico.

“…la vita sarebbe se il tempo non le allontanasse l’essere costantemente nel prossimo istante …”.  >>>

 
Omaggio a Nikola Tesla


Lightning poem

Danger. High voltage! Un fulmine scocca dall’elettrodo di ottone sulle nocche metalliche del guanto. L’uomo sa che l’acciaio siliconico lo proteggerà. E’ dritto, in piedi. Lo sguardo verso l’orizzonte che minaccia tempesta. Già il tuono lo coglie. Non è impreparato. Ma ora che il suo piede cadenza un ritmo di luce viola, ce l’abbiamo fatta, dice tra sé e sé. I violet ray che attraversano l’aria sotto i suoi piedi sono mortali, ma da tempo ha indossato alte calzature foderate di piombo.
Globi gialli si alternano, i relè fissano il ritmo. E’ il momento
. >>>

 
Eva futura


La struttura drammaturgica è basata sul concetto di “canone”. L ’idea di canone è che un unico tema venga contrapposto a se stesso. In pratica le varie voci che partecipano al canone eseguono ognuna una copia del tema.

Lavorano nel laboratorio di Edison quattro soggetti ipnotici, tra cui un soggetto isterico. Essi compiono quotidianamente “esercitazioni” per affinare le loro capacità di simulazione. E’ per questa ragione che Edison (l’inventore) insiste sulla necessità di allenare i soggetti a funzionare adeguatamente, prima di tentare la sperimentazione. >>>

 
Coefficiente di fragilità


In alto stanno l’energia e la decisione, in basso, la passività nella sua forma più irrisoria: l’illusione del movimento, l’autoinganno!!! La metà superiore del grande vetro è il regno della sposa. All’estrema sinistra, la sposa in persona, o più esattamente in una delle sue personificazioni: la sposa è un meccanismo, e la sua umanità non risiede nelle sue forme, né nella sua fisionomia, la sua umanità è simbolica!!! La sposa propriamente detta è appesa ad un gancio; la sagoma è identificata come una figura femminile, acconciata con un cappello ed un velo. Sotto la testa la mortasa sostiene un’asta o fusto metallico collegato al magnete di desiderio. Il magnete di desiderio contiene in una gabbia la materia di filamenti. Una secrezione della sposa al momento della sua fioritura. L’asta del magnete di desiderio è un’asse, e da ciò deriva che il suo altro nome sia albero tipo o motore a cilindri deboli, collegato ad una specie di siringa o pungiglione: è la vespa.
>>>

 
Prigione detto Atlante
 
Seleniazesthai